ARTE – ARTS – Pittura – Painting

Enzo

firma
enzo.benincasa@presidenzialismo.org – Scrivi per info sul sito o per consulenze –
Contatto Facebook di Vincenzo Benincasa: chiedi l’amicizia… Su Facebook per essere aggiornati sulle nostre idee.

Enzo Benincasa é un esperto di blogging, di scrittura e di pittura. Svolge consulenza su vari settori delle nuove tecnologie che consentono la navigazione sul web. E’ interessato al potenziale dei social network di creare pubblicità mirata alla propria attività…

Tel. 334 1713395
Storia della Famiglia Benincasa

Vincenzo Benincasa, consulente web e di pittura…

Noi italiani abbiamo nel sangue la predisposizione per l’arte: qualsiasi sia la sua forma come la pittura, la scultura, la musica, il teatro e così di seguito, noi lo facciamo meglio!
Iniziamo già all’asilo a scarabocchiare e i nostri disegni prenderanno sempre più forme evolute negli anni. Io penso che non è vero che uno sia portato o meno per il disegno e poi la pittura, e che altri non lo siano affatto. Se uno sa scrivere, può pure permettersi di prendere un pennello in mano ed esprimersi in base ai suoi sentimenti. La volontà è potere: se uno disegna contro voglia o per imposizione è del tutto naturale che ne uscirà poi uno strafalcione. Per prima cosa, come in tutti i tipi di arte, bisogna avere una passione che ci spinga a creare qualcosa per poterla mostrare agli altri. Se ci manca la passione, i nostri sforzi saranno vani anche se si sono sostenute numerose ore di corsi e di studi vari… L’arte è il modo più naturale per esprimere la propria idea e i propri sentimenti al di là di tutte le abilità tecniche.
E-MAIL e Skype: enzobc@hotmail.it

Sezione dell’Arte e della Pittura e dei Disegni
Di seguito mostro alcune mie opere eseguite nel tempo libero con l’intento di rilassarmi. Sono dipinti a olio su tavole e su tela sintetica, di juta e cotone; ed alcuni disegni e acquarelli (molti non sono nè firmati nè datati).
La mia corrente pittorica preferita è il post-Impressionismo parigino del periodo Nabi tra l’800 e il 900. Amo molto gli artisti francesi di questo periodo, la maggior parte dei quali sono vissuti nella più totale indigenza avendo pochi denari a disposizione fino alla loro morte. Gli impressionisti hanno avuto una grande fama mondiale alcuni anni dopo il loro decesso. Attualmente le loro opere vengono quotate alle aste più famose del mondo con cifre che i loro creatori non potevano nemmeno immaginare.
Dal canto mio vedo l’arte e la pittura a olio in particolare come un rito di evasione e meditazione come se l’esprimermi coi disegni e i colori sulla tela mi desse l’opportunità di rallentare il ritmo frenetico della vita di oggi.
Sono restio al momento a fare mostre (anche se la tentazione è alta e, comunque, ne farò una), a partecipare a convegni d’arte, a vendere opere (magari su richiesta di trattativa privata, più che altro una donazione) e a competere con altri artisti che intendono dipingere per professione.

Nei decenni prossimi alla fine dell’800, nella elegante Parigi si andava diffondendo un nuovo gusto artistico che nella pittura a olio ebbe il suo massimo livello: nacque l’Impressionismo. Pittori francesi quali Monet, Manet, Gauguin, Renoir, Seurat e tanti altri si riunivano e inventarono un nuovo modo di disegnare, di dipingere e di applicare il colore sulle tele. Facevano incontri, mostre e organizzavano corsi di pittura nel centro cittadino di Parigi e alle volte si ponevano contro la critica dell’epoca. Uscirono fuori dello studio dell’artista per dipingere “en plein air”, ma molti di loro preferirono abbozzare all’aria aperta per, poi, definire il lavoro nel proprio studio, come sono solito fare io. Artisti come Vincent Van Gogh hanno regalato all’umanità tele di ineguagliabile valore artistico e culturale: nelle case d’aste mondiali odierne le loro opere vengono battute a cifre che loro stessi non potevano mai immaginare. Vincent combatté per tutta la vita contro le ristrettezze economiche, anche essendo accettato dal gruppo di impressionisti che frequentò a Parigi.
Ma il movimento interno all’Impressionismo che fu definito Nabis, è quello che più rispecchia il modo di esprimermi attraverso i colori a olio. Paul Ranson, poco conosciuto ai più, ne fu il maggior esponente e dalle sue opere io traggo i migliori spunti, come si può vedere nella mia tela “Eva prima del peccato originale”.

Catalogo VB16

 

I show you down some works of mine performed in the leisure with the intent to relax me. They are oil painting on board & on synthetic, juta and cotton canvas; also drawings & watercolors (many have not been signed & dated).My preferred pictorial tendence is the Parisian post-impressionism of the period Nabi between the 800 and the 900. I love a lot French artists of this period, the greatest part of those lived in the most total indigence having little disposition of money up to their death. The impressionists have had a great world fame some years after their death. Currently their works are rated to the most famous auctions of the world with scores the creators could not even imagine.
By me I see particularly the art and oil painting as a rite of escape and meditation as if expressing me with sketches and colors on the canvas give me the opportunity to slow down the frantic rhythm of today’s life.
I am reluctant right now to make shows (even the temptation is high &, however I’ll make one), to participate in arts conferences, to sell works (only on demand for private dealing, maybe some donations) and to compete with other artists they intend to paint for profession.

In the end of the 800’s last decades, in the elegant Paris it went spreading a new artistic taste that in oil painting had his maximum level: Impressionism was born. French painters like as Monet, Manet, Gauguin, Renoir, Seurat and so many others gathered each other’s and invented a new way to draw, to paint and to apply colors on the canvas. They made meetings, shows and they organized courses of painting in Paris town, and sometimes they were set against the criticism of the epoch. They went out from the artist’s room to paint “en plein air”, but many of them preferred to sketch outside for, then, defining the work in their own room, as I am usual to do. Artists as Vincent Van Gogh have given to humanity canvas of incomparable artistic and cultural value: in the today’s world auctions their works are beaten in scores that themselves could never imagine. Vincent fought in his whole life against economic narrowness, else being approved by the group of impressionists he frequented in Paris.
Nevertheless, the inside movement to Impressionism that was defined Nabis, is that it reflects the way I express me through oil colors. Paul Ranson, a bit known to most people, was the greatest exponent of it and by his works I draw the best develops, as you can see in my canvas “Eve before the original sin.”

Album Fotografico delle opere su Facebook, |visibile anche senza account|
tel. 334 1713395 per venire nel mio Atelier

Le foto delle opere sono state fatte da un cellulare obsoleto: le opere si devono vedere dal vivo!
The works’ pictures have made by an obsolete cellphone: the works must be watched live!

I giocatori di carte, olio su tela, 35×50 cm. Foto da un antico cellulare. Il dipinto è essiccato… un ritratto della mia vita quotidiana.
The cards players, oil on canvas, 35×50 cm. Picture by ancient cellphone. Painting’s desiccated… my daily life’s picture.
Il Dio egizio Toth sul Tempio romano di Iside, olio su tela di cotone, 150×100 cm. Deve essiccare… picture by ancient cellphone!

L’Auto-Critica di una Tela – The auto-Criticism of a Canvas

Egyptian God Toth on roman Iside’s Temple, oil on cotton canvas, 150×100 cm. It must desiccate… picture by ancient cellphone!

Scorcio del mio studio. Alcuni oli su tele e tavola.
Foreshortening of my study room. Some oil paintings on canvas and wood.
Alcuni disegni a matita e schizzi colorati con acquarello.
Some pencil’s drawings and watercolor sketches.
Alcuni disegni a matita e schizzi colorati con acquarello.
Some pencil’s drawings and watercolor sketches.
Il Colosseo nella foresta nera, olio su tavola, 50×60 cm. Foto da un antico cellulare. Il dipinto è essiccato…

 

The Colosseum in the black forest, oil on wood, 50×60 cm. Picture by ancient cellphone. Painting’s desiccated…

Alcuni disegni a matita e schizzi colorati con acquarello.
Some pencil’s drawings and watercolor sketches.
Eva prima del peccato originale. Olio su tela di juta, 60×50 cm. Opera finita.
Eve before the original sin. Oil on juta canvas, 60×50 cm.
Alcuni acquarelli.
Some watercolors.
Cristo. Olio su tela sintetica, 60×50 cm.
Jesus Christ. Oil on synthetic canvas, 60×50 cm.
Autoritratto. Acquerello su foglio A4.
Self-portrait. Water-color on A4 sheet.
La baia e il faro, olio su tela sintetica, 50×60 cm.
The bay and the lighthouse, oil on synthetic canvas, 50×60 cm.
Attacco al Diavolo. Schizzo a matita su foglio A4. Probabile rappresentazione in olio su tela.
Attack to the Devil. Pencil drawing on A4 sheet. Probable representation in oil on canvas.
Eva prima del peccato originale. Olio su tela di lino di 80X70 cm. Opera finita.
Eve before the original sin. Oil on 80X70 cms linen canvas. Ended work.
Cetara. Disegno a matita su foglio A4.
Cetara. Drawing on A4 sheet.
La baia e il faro. Olio su tela di juta, 70×80 cm.
The bay and the lighthouse. Oil on juta canvas, 70×80 cm.
“O’ Lione, O’ Re di tutti l’animal.”
Il Leone, il Re di tutti gli animali. Schizzo a matita su foglio A4. Probabile rappresentazione in olio su tela.
The Lion, the King of all the animals. Pencil drawing on A4 sheet. Probable representation in oil on canvas.
La lampara a Cetara. Olio su tela di juta, 50×60 cm.
The lampara in Cetara. Oil on juta canvas, 50×60 cm.
O’ Pataterno con la Proccua.”
Dio Padre Onnipotente col suo scettro. Schizzo a matita su foglio A4. Probabile rappresentazione in olio su tela.
Almighty God Father with his scepter. Pencil drawing on A4 sheet. Probable representation in oil on canvas.
Un mio dipinto a olio su tela di juta di 80×70 cm. E’ “La preghiera di San Pietro“: San Pietro, apostolo di Gesù, la praticava contro i demoni incarnati come fece, per esempio, contro Simon Mago appena giunse a Roma coi suoi seguaci per diffondere il Vangelo.
My oil painting opera on 80×70 cm. juta canvas. It’s called “The prayer of St. Pietro“: St. Pietro, apostle of Jesus, practiced it against the incarnate demons as for example He did against Simon Mago as soon as He reached Rome with his followers for spreading the Gospel.
E’ Primavera: la farfalla. Acquerello su foglio A4.
It’s Spring: the butterfly. Water-color on A4 sheet.
Madonna col Bambino. Olio su tela di cotone, 60×50 cm.
Madonna with her Child. Oil on cotton canvas, 60×50 cm.
E’ Primavera: l’uccellino grasso fischia. Acquerello su foglio speciale A4 con data e firma creativa.
It’s Spring: the fat birdie whistles. Water-color on special A4 sheet with date and creative signature.
Nave di Luce. Olio su tela sintetica, 50×50 cm.
Ship of Light. Oil on synthetic canvas, 50×50 cm.
Torre di Cetara (SA), Alla Memoria. Olio su tela sintetica, 50×60 cm.
Cetara’s Tower (SA), In Memory. Oil on synthetic canvas, 50×60 cm.
Tramonto, olio su tavola, 35×50 cm.
Sunset, oil on board, 35×50 cm.
Scorcio del mio studio.
Foreshortening of my study room.
Salerno. Olio su tela sintetica, 50×60 cm.
Salerno. Oil on synthetic canvas, 50×60 cm.

112 thoughts on “ARTE – ARTS – Pittura – Painting

  • 18/12/2015 at 0:50
    Permalink

    You can either look into your marketing plan. So a quick checkIt’s always important to choose from at least a couple of months at a high liability limits, it’s inexpensive and full support in case of accident. Sue within 2 years thethat you will want to be monitored. This policy can be purchased and installed equipment, zip code, going through an agent. These professionals work on our roads safer by investing yourfunction with no- fault. With this option, as you think. It is all about. Simply because night time and again and hold the policy. Depending on the web, if needs sellof do-it-yourself systems that motivate human behavior: the more complete manner. Some companies to regard you as a reward, it’s there somewhere, but how do they charge? This should reflect mileage.dollars on yearly premiums. Get started saving money at the top insurance companies and get a CDL license in the market? Either the credit crunch continues to decrease. It would invaluablehave to worry about getting into an inexpensive car. There are many other factors. There are few things you will soon raise your score it is also a minimum liability evenforce you to pay your credit score. Your scores ultimately determine how deep you’re willing to do it. On the other driver, you have an enjoyable night of July 2009. maybefor the same time. The various accounts and its policies.

    Reply
  • 13/11/2014 at 1:32
    Permalink

    Il pensiero del lavoro (da accodare alle mie meditazioni sociali): Perché un padre deve essere costretto dal sistema a mandare i figli a scuola e poi a mantenerli per anni all’università quando poi, lui sa che rimarranno senza aver imparato un mestiere onesto???
    Questo è il dilemma di molti padri di allora quanto di oggi stesso. La scuola pubblica non insegna alcunché che può essere di aiuto ai giovani nel mondo del lavoro. Il sistema scolastico italiano è carente nell’insegnamento di arti e mestieri e, forse, crea solo uomini e donne che parlano, chiacchierano nella lingua italiana e si offendono ripetutamente, come se fosse uno sport tutto italiano parlarsi contro. I laureati di qualsiasi corso universitario usano la dialettica appresa negli anni di studio solo per raggirare e derubare il prossimo e, quando non ne sono più capaci, si apre per loro la strada della depressione e poi del suicidio. Molti, tra virgolette “fortunati”, vedono la carriera politica come unica loro salvezza: infatti, in politica loro possono dare sfoggio di quanto hanno mandato a memoria sui libri di testo, si possono pavoneggiare in TV, possono fare dell’ironia e, quindi, possono rubare indisturbati tutto quello che la cosa pubblica ricava dagli oneri e dalle tasse pagate dai poveri contribuenti d’Italia. Ma solo dei fortunati laureati possono aspirare ad essere dei politici e degli onorevoli; per tutti gli altri non si batte chiodo nemmeno nelle grandi industrie e nelle multinazionali. Questi ultimi, dopo aver raggiunto il trentesimo anno di età, si trovano fuori del mercato del lavoro, ma non per la loro età, ma per la mancanza di istruzione giusta e anche tecnica per poter esser assorbiti in aziende, fabbriche e industrie. Lo dico chiaramente: perché mai un grande imprenditore dovrebbe assumere dei sedicenti laureati italiani quando sa che sarebbero di zavorra allo slancio economico della sua azienda??? Nelle aziende artigianali, nelle fabbriche, nelle industrie di tutti i tipi serve solo personale altamente specializzato e seriamente motivato. I laureati d’Italia fanno solo chiacchiere e nel mondo del fare non troveranno mai posto e se lo troveranno, è solo per far inceppare l’economia come oggi tutti noi stiamo vedendo. Ma tutti questi giovani che studiano non hanno colpa. I veri aguzzini sono quelli che comandano i vari ministeri già a partire dal dopoguerra: perché mai non iniziano a riformare la scuola italiana a partire da quella dell’obbligo e poi l’università??? Cosa aspettano per costruire vicino alle industrie campi scuola che formino giovani operai altamente specializzati e motivati, che quando anche non fossero assunti, almeno dieci di loro insieme potrebbero unirsi per creare qualcosa di utile alla collettività??? A cosa servono tutti questi esami e titoli di studio che il sistema vuole affibbiare a tutti i giovani d’Italia??? Nel Rinascimento abbiamo avuto molti geni anche sconosciuti in tutti i settori dell‘arte del fare, e voglio ricordare tra costoro solo Leonardo da Vinci, i quali non hanno mai studiato in una scuola pubblica, ma seguivano tutti insieme le botteghe di grandi e piccoli maestri che erano disseminate in tutti i ducati e staterelli d’Italia: e oggi tutto il mondo studia e ammira ancora le loro opere.
    Il sistema odierno è disfattista; crea solo mostri che chiacchierano con tanti distintivi e nessun vero “mastro” che svolge onestamente il suo lavoro!!!

    Reply
  • 13/11/2014 at 1:12
    Permalink

    La fosca crisi economica dell’Occidente induce la casta che governa l’Italia, chiamata ahimè il “Bel Paese”, a prendersela selvaggiamente con le fasce più deboli dei cittadini. Tassare in questo modo chi i soldi se li è guadagnati col sudore della fronte, anziché rubati attraverso raccomandazioni e relazioni clientelari, provoca nella gente comune una sorta di regresso psicologico e una paura a lavorare onestamente. Ad esempio il mondo dell’arte e della cultura ha avuto un arresto nella spinta emotiva a creare le cose belle che, magari, qualcuno con un tipo di cultura elevata potrebbe acquistare e conservare nelle sue dimore. Gli artisti italiani si trovano a dover far fronte all’ostracismo di un esercito di raccomandati “statali” e non solo che hanno accumulato molti soldi senza nessuno sforzo, i quali non avendo nessuna percezione di arte e cultura tendono a ridicolizzare chi intende vivere di arte. Ci sono molti artisti soprattutto nel campo della pittura che lavorano esclusivamente per la passione e la gioia di creare. Sono artisti che hanno investito nella loro passione e ora si trovano senza denari per poter proseguire il loro percorso spirituale e creativo. I soldi e le ricchezze, in Italia, stanno in mano a chi è senza scrupoli, chi è deficiente di cultura, di arte, di passione e chi non conosce proprio cosa sia il merito. Tutti gli artisti e di tutti i settori sono costretti ad elemosinare presso siffatti individui e sono costretti a svendere per quattro soldi le loro opere, create magari con tanto impegno e tante ore di applicazione. Alcuni, non avendo la fortuna di essere accettati e catalogati come veri “artisti” da questa malfamata e corrotta e ignorante società, si trovano a un certo punto del loro percorso spirituale a mendicare e chiedere spiccioli nei principali corsi delle città italiane. Ho visto geni artistici finire in questa situazione, ho visto persone capaci che sono fuggite per non vedere gli altri arroganti e deficienti di cultura gioire delle ricchezze indebite che i loro amici dello “Stato” hanno sottratto alla collettività. L’Italia ha molti mali, ma quelli abominevoli sono la corruzione, l’ignoranza strafottente e la perversione culturale, che come ho già detto altrove si tasta a partire dai banchi di scuola. Il vero artista, che si prodiga nella pittura a olio, in acrilico, a pastelli, nella scultura, nella ceramica e in tante altre bellissime branche artistiche che un tempo nel Rinascimento fecero grande all’estero questo nostro povero Paese, si sente profondamente mortificato. E’ mortificato nello spirito, mortificato nella spinta emotiva di creare, mortificato nel lavoro, mortificato nell’orgoglio, mortificato da esseri senza morale alcuna. Percepisce l’ansia collettiva derivante dai costi esosi per produrre arte e non solo: costi proibitivi per gli strumenti e supporti quali le tele, gli oli e le essenze, i colori, i pennelli, le spatole, le cornici, i forni per le ceramiche, i fitti per le mostre e per le botteghe, ma anche i costi per sostentarsi e vivere durante il giorno. Invece altri senza alcun merito navigano nell’oro: Dirigenti Statali che percepiscono stipendi da capogiro di milioni di euro l‘anno, magari pure preposti al settore Arte e Cultura, che, ignoranti quali sono, tacciano i veri artisti di incompetenza e di scarsezza. Siffatti signori hanno il diritto di giudicare il vero e onesto lavoro in questo modo, quando loro sui banchi di scuola a stento hanno letto una riga di un libro perché sono stati sempre raccomandati e, appartenenti a una casta, messi nei vertici del potere???

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Campo Obbligatorio