LA DEMOCRAZIA IDEALE

LA DEMOCRAZIA IDEALE

La democrazia è stata una grande conquista per l’umanità; non più l’assolutismo o i capricci di un monarca o di un despota, ma il popolo che sceglie liberamente i suoi governanti. Costruire un regime democratico che “funzioni bene”, però, non è un’impresa semplice. Sono necessarie determinate “strutture” e l’adozione di certe modalità, come, ad esempio, un buon sistema elettorale che garantisca la governabilità. Il mondo, infatti, è pieno democrazie imperfette o “malate”, come quella italiana, che vanno avanti alla “meno peggio”, non garantiscono l’alternanza al potere o, peggio, degenerano in democrazie clientelari, basate sul voto di scambio.
SCARICA L’E-BOOK…
Alcune copertine di libri pubblicati con vari editori – Narrativa© Psicologia© Politica©
E-Mail tecnica: [email protected] – Scrivi per info sul sito –
Contatto Facebook di Vincenzo Benincasa: chiedi l’amicizia… Su Facebook per essere aggiornati sulle nostre idee.

Enzo Benincasa é un esperto di blogging, di scrittura e di pittura. Svolge consulenza su vari settori delle nuove tecnologie che consentono la navigazione sul web. E’ interessato al potenziale dei social network di creare pubblicità mirata alla propria attività…

2 pensieri riguardo “LA DEMOCRAZIA IDEALE

  • 13/11/2014 in 0:44
    Permalink

    Lo Stato Italiano è inceppato attualmente perché deve dare da mangiare a un esercito di milioni e milioni di dipendenti pubblici, che sono impiegati in enti locali quali regioni, province e comuni, nel settore sanitario e della giustizia e fino nelle forze armate e di polizia che, come sapete bene, hanno diversi corpi. Il bello è che lo Stato non solo deve pagare i lauti stipendi a chi lavora ancora, ma deve pagare pure le laute pensioni a coloro che hanno svolto il servizio pubblico negli anni addietro. E dovete sapere che negli anni addietro i dipendenti statali erano ancora più numerosi in quanto erano impiegati pure nei trasporti ferroviari e su gomma come i pullman, nelle telecomunicazioni, nei servizi energetici ecc. che come sapete erano enti statali. Ma sembra che la privatizzazione di questi enti statali fatta dai Governi precedenti non abbia fatto altro che inceppare la macchina burocratica e truffaldina dello Stato Italiano. Il dipendente pubblico o statale come si vuole chiamare ha sempre mantenuto le sue caratteristiche negli anni anche sotto i governi di centro destra. La sua caratteristica peculiare è la raccomandazione che lui sfoggia a partire dalle scuole, anche quelle elementari. La raccomandazione gli consente a scuola di ricevere altissimi voti senza fare sforzi eccessivi. Questi voti gli serviranno poi quale punteggio per affrontare i famosi concorsi pubblici attraverso i quali diventerà dirigente o impiegato dello Stato: sfoggerà comunque sempre le sue raccomandazioni e influenze anche politiche per avere la meglio sugli altri concorrenti che anelano allo stesso posto fisso. Il dipendente statale è forte perché fa parte di un popolo protetto principalmente dai sindacati e dalla sinistra. Gli statali tutti sono all’origine della burocrazia, delle tasse e multe esose che dobbiamo sostenere, dell’inceppamento del lavoro delle imprese, della crisi bancaria e finanziaria che il nostro povero Stato Italiano sta affrontando. La soluzione di un buon Governo degno di chiamarsi tale dovrebbe essere quella di ridurre del 50% tutte le spese degli statali e le risorse pubbliche inutili e anche nocive per chi lavora in aziende, in imprese artigianali, in imprese individuali, in fabbriche ecc. : I servizi pubblici quale giovamento danno a chi lavora in mezzo alla strada? Siamo sicuri di parlare di giovamento o di danno? La Spending Review del primo Ministro Monti è troppo timida per me: Dovrebbe ridurre del 50% il personale statale e le spese di tutti gli enti locali, delle Asl e di tutta la sanità, della Giustizia e di tutti i tribunali (cercando di portare a termine processi sia civili che penali che durano da decenni), riformare le scuole e le università (l’istruzione italiana insegna solo a come suicidarsi e come rubare il prossimo), ridimensionare le forze di polizia e pure quelle armate e puntare a un obiettivo militare comune nel mediterraneo insieme agli altri Stati dell’Unione Europea, e soprattutto lo Stato deve proteggere e favorire i giovani che hanno voglia di unirsi per fare industria qualsiasi essa sia pure di stampo agricolo. I dipendenti statali producono solo attrito allo slancio economico italiano.

    Risposta
    • 13/11/2014 in 0:45
      Permalink

      Considerata la reale situazione attuale dell’alta finanza, secondo voi oggi chi è in grado di usare a suo vantaggio il reddito, il profitto e la rendita??? A mio avviso solo colui il quale è capace di rubare! 🙁

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Campo Obbligatorio