Scarica i libri gratis… Chi è il Prof. Gargione?

Gianni Gargione, dopo essersi laureato all’università “Orientale” di Napoli, è stato docente presso le scuole medie superiori ed ha scritto numerosi libri di psicologia, di politica, di economia e di narrativa. Ha venduto milioni di copie attraverso varie edizioni: scrive e pensa ed è sempre alla ricerca della verità! Durante il suo lavoro nella pubblica istruzione ha assistito pre-adolescenti con disabilità, esperienza che l’ha condotto a studiare a fondo la mente umana… Ha investigato per anni sul rapporto della psicologia dell’uomo con la scienza politica.

Gianni Gargione was graduated in English and Italian literature. He has also studied psychology at The University of Padova, in the North of Italy, one of the best Italian Universities. In the past He teached in a State High School (dealing with mental handicapped children from 13 to 16 years old).
He wrote numerous books about psychology, politics, economy and fiction.

5 thoughts on “Scarica i libri gratis… Chi è il Prof. Gargione?

  • 29/01/2017 at 11:49
    Permalink

    Heya i am just for the principal time here. I came across this board and that i find It truly
    helpful & it helped me to out much. I really hope to present one
    thing back and help others as if you helped me.

    Reply
  • 06/11/2014 at 3:22
    Permalink

    http://ebookgratuitiperte.altervista.org/?p=215
    Chissà quanti dovranno fare la stessa fine del Signor Buttifona… e lo dovranno seguire fino all’inferno… tutti coloro che hanno provato invidia, gelosia, odio, che hanno desiderato ardentemente la fine e la malasorte di Pasquale e che hanno tramato in associazione… Il pensiero corre di già alla frequenza delle scuole medie superiori, ai professori e a tutti quegli amici che si burlavano del suo studio e di lui stesso. Se non fosse stato per le continue raccomandazioni e per le considerevoli tangenti pagate dai genitori ai docenti, molti dei suoi compagni di classe non sarebbero già diventati dottori, avvocati, ingegneri e così via di seguito.
    Il malcostume delle raccomandazioni, però, risaliva agli anni delle scuole medie inferiori, quando gli stessi genitori pagavano fior di quattrini, affinché i loro pargoletti raggiungessero grossi risultati, di cui vantarsi, poi, con amici e colleghi in piazza. E pensare che molti giovani dovevano ripetere l’anno più volte, nella loro vita, e finivano sempre per interrompere gli studi per, poi, diventare loro stessi camorristi e, di conseguenza, criminali. Il giocattolo delle raccomandazioni, delle false informazioni in classe, delle procedure poco chiare, delle riunioni docenti poco serie non si rompeva mai e diventava sempre più nuovo ogni anno scolastico. Così si alimentano, anno dopo anno, i reclutamenti nelle fila della malavita. I giovani apprendono bene i valori morali e i principi etici da anteporre alle ricchezze di famiglia: in classe e, poi, in aula si è sempre stati tutti diversi, quindi non uguali al cospetto del professore.
    All’università bisogna essere scaltri a cercare l’aiuto e l’influenza opportuna. Scambiare un tema o una prova scritta di un concorrente, meno tutelato e protetto, con un altro di uno raccomandato; prendere per il culo lo studio e il lavoro efficiente di un cittadino in favore dell’ignoranza bestiale di un figlio di papà; calpestare la voglia di costruire, inventare, cambiare; mortificare gli stimoli dell’ingegno e dell’operatività, sono prassi comune e rientrano nella normalità del costume del sistema, precostituito, ormai, da anni nella nostra società moderna.
    La scuola, i primi amori e le prime sofferenze…–
    http://ebookgratuitiperte.altervista.org/?p=215

    Reply
  • 07/07/2014 at 8:46
    Permalink

    Buon Giorno! Auguro una buona lettura a tutti gli internauti…

    Reply
    • 08/07/2014 at 0:13
      Permalink

      ITALIACiao, ITALIA!

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Campo Obbligatorio